Se leggendo i testi di questo sito trovi qualcosa che non è chiaro, scrivici.. e noi ti risponderemo.

2018-10-23

"Gli errori delle donne (in amore)" di Giorgio Nardone


La Terapia degli Attacchi di Panico Giorgio Nardone a Ordine Psicologi Lombardia

PROBLEMI TRATTATI
*Disturbi d'ansia:
Attacchi di panico con o senza agorafobia, ansia da prestazione, fobia sociale, disturbo post-traumatico da stress, fobie specifiche
*
Ossessioni:ossessioni,compulsioni
dubbi patologici,ipocondria, dismorfofobia,ecc.
*
Depressione: (varie forme)
*Disordini alimentari: Anoressia,Bulimia,Vomiting,ecc..
*Problemi relazionali: Coppia,Genitori-Figli,Lavoro.
*Problemi dell'infanzia e dell'adolescenza: Fobia scolare, Deficit attentivo, da prestazione, disturbo oppositivo-provocatorio, mutismo, ecc.
*Disturbi sessuali:
Difficoltà di erezione, eiaculazione precoce, vaginismo, dispaurenia, disturbi del desiderio.
*Dipendenze: relazionali,  da Internet (varie forme)

IL PROBLEM SOLVING STRATEGICO


In letteratura si possono trovare differenti modelli di problem solving. Quello strategico è stato formulato in maniera originale dal prof. Giorgio Nardone. Questo Modello  si può applicare per definizione a qualunque tipologia di problema e in ambiti decisamente diversi tra di loro, compreso quello della ricerca empirica. 

La ricerca-intervento, infatti, è stata il fondamento metodologico per la messa a punto delle numerose forme  di intervento terapeutico mirato e di comunicazione strategica, sviluppate presso il Centro di Terapia Strategica e applicate con successo a migliaia di casi clinici e a centinaia di problemi manageriali.

Nei modelli strategici, lo scopo non è il cambiamento in astratto, cioè qualcosa di vago o casuale a cui attribuire positivi effetti.
Il cambiamento strategico è qualcosa di concreto e misurabile; è il raggiungimento degli obiettivi prefissati, nel modo più efficace ed efficiente.

Il problem solving strategico è dunque una "tecnologia" per trovare soluzioni, l'arte di utilizzare logiche strategiche per ottenere il risultato con il minimo sforzo.
Le sue caratteristiche permettono di studiare le difficoltà umane come problemi, a cui applicare procedimenti risolutivi che impiegano logiche rigorose ma anche decisamente creative. Per questo il Modello è divenuto da anni il riferimento teorico ed applicativo per studiosi, psicoterapeuti e manager di tutto il mondo.

L'apparente semplicità del modello, che si dispiega in quattro fasi, non deve trarre in inganno, poichè tutto ciò che è semplice sottintende un lavoro sulla complessità della realtà.
Il Problem Solving Strategico è il risultato di un processo volto ad ottenere il massimo con il minimo, partendo da situazioni complicate rese risolvibili grazie all'impiego di logiche raffinate e non ordinarie, di manovre e tecniche originali.
Per risolvere problemi complicati occorrono strumenti semplici, ovvero, riprendendo una celebre frase di Albert Einstein, " ci vuole un nuovo modo di pensare per risolvere i problemi prodotti dal vecchio modo di pensare".